Gomme Pirelli da bici: uno sguardo alla tecnologia

By | 18 ottobre 2017

Dal brevetto del primo pneumatico per bicicletta tipo “Flexus”, registrato nel 1897, ai nuovissimi PZero Velo, messi sul mercato da settembre, il Gruppo Pirelli ha fatto dei passi da gigante, fino a creare dei prodotti gommati per bicicletta altamente performanti e tecnologici, che non hanno niente da invidiare a quelli realizzati per il settore automotive.

gomme pirelli da bici

Pirelli e il ciclismo

A maggio di quest’anno il Gruppo milanese della Bicocca, tramite il suo CEO Marco Tronchetti Provera e la portavoce Antonella Lauriola, COO Business Unit Velo Pirelli, ha annunciato l’intenzione di tornare nel ciclismo e lo ha fatto in grande stile, iniziando la campagna di lancio di PZero Velo, il nuovo pneumatico per bicicletta da corsa, il cui nome rappresenta ormai un marchio di alta tecnologia, performance e sicurezza.

Ciclismo e Pirelli sono sempre stati legati a doppia mandata, come dimostra il fatto che già in occasione del primo Giro d’Italia molti dei campioni corridori erano gommati Pirelli, nonché l’interesse del marchio della P lunga nella sponsorizzazione delle più importanti competizioni sportive del settore, come quella di quest’anno del Giro d’Italia Under 23.

Era tuttavia dagli anni Novanta che Pirelli non si faceva avanti in maniera così esplicita, proponendo dei prodotti pensati apposta per i ciclisti, e quest’anno ha deciso di tornare in questo mondo, rimanendo nel comparto a lei più congeniale, nel quale ha maturato una lunga esperienza e un know-how imbattibile, ossia quello della competizione su strada.

Tecnologia su due ruote

Non si può dire che quando si tratta di performance e tecnologia Pirelli sia per l’approssimazione: per lo sviluppo dei PZero Velo ci sono voluti circa 2 anni e il lavoro di un team di ingegneri e tecnici, impegnato ad ottenere un prodotto hi tech e altamente performante attraverso un processo di reverse engeneering, ossia analizzando i migliori prodotti disponibili sul mercato e puntando a migliorarli.

Una volta preso atto dello stato dell’arte del settore, Pirelli ha quindi concepito l’idea del suo pneumatico e ha cercato di mettere in campo materiali innovativi e tecnologie all’avanguardia, per giungere alla realizzazione industriale dei primi prototipi.

Una volta ottenuti, gli pneumatici realizzati con diversi tipi di mescole sono stati sottoposti alla fase di testing, utilizzando delle macchine studiate per simulare le condizioni del mondo reale e da questa selezione sono usciti solo i prodotti migliori.

Per ottenerli è stata sviluppata e brevettata una mescola innovativa, che si avvale della molecola di silice denominata SmartNet Silica™, che grazie alla sua forma allungata, quando viene disposta all’interno di una struttura, tende a disporsi al suo interno in maniera ordinata, garantendo stabilità, elasticità, scorrevolezza e tenuta sul bagnato, elementi fondamentali per uno pneumatico hi tech.

Oltre alla mescola, il Gruppo Pirelli ha lavorato molto anche sul disegno e sul design di questo prodotto: per il profilo e la costruzione dei nuovi PZero Velo, Pirelli ha scelto di utilizzare la tecnologia Ideal Contour Shaping (ICS), ottimizzando i parametri di costruzione del profilo della gomma e simulandone le prestazioni grazie all’utilizzo di software di modellazione avanzati.

Si è lavorato molto anche sulla struttura della carcassa e sul disegno del battistrada, utilizzato la tecnologia “Functional Groove Design” (FGD) derivata dal mondo del motorsport. Anche per quanto riguarda la scolpitura delle gomme, che non ha solo una funzione estetica, l’ispirazione è stata presa dal comparto delle moto da corsa, ispirandosi ai migliori modelli progettati per il Superbike, ossia il Diablo Supercorsa.

Gli pneumatici da competizione

La presentazione dei nuovi PZero Velo è stata fatta in pompa magna a Milano, prima nella sede istituzionale della Fondazione Pirelli, presso il reparto R&D dedicato a ricerca e sviluppo dei migliori prodotti Pirelli, poi presso la pista test di Pirelli a Vizzola, per dare una dimostrazione su pista e su strada.

I nuovi PZero Velo sono infatti degli pneumatici da corsa, e si avvalgono delle tecnologie già testate nel settore del Superbike e della Formula 1, riprendendone anche i motivi come iconico omaggio.

I PZeroVelo di Pirelli sono disponibili per l’acquisto in tre diversi modelli, identificabili dai 3 colori abbinati presenti sulla banda laterale e mutuati dalla F1:

  • il Road Racing presenta l’etichetta argento ed è il modello più leggero e versatile, pensato per la competizione o per l’allenamento e apprezzato per la sua affidabilità e scorrevolezza su tutti i tipi di strada;
  • l’etichetta rossa definisce il PZero Velo TT, ossia il modello Crono, il più veloce e scorrevole della gamma, che vanta una perfetta tenuta sul bagnato ed è indicato soprattutto per le gare a cronometro;
  • al modello Four Season si abbina invece l’etichetta blu, che definisce degli pneumatici perfetti per tutte le stagioni, che vantano un’elevata resistenza alla foratura che non va tuttavia ad inficiare scorrevolezza e performance, anche sul bagnato.

Per scoprire tutto sui PZero Velo e trovare tanti contenuti dedicati al mondo della bicicletta, potete consultare la nuova sezione del sito di Pirelli, appositamente aperta per il lancio del prodotto, e sempre aggiornata sulle ultime novità del settore.